La bellissima trasferta a Settimo contro il Borgonuovo

Ok amici, avete avuto il risultato, avete avuto un disegno esplicativo da parte dell’allenatore in seconda dei pulcini New Team, avete avuto il commento delle 2 partite dalla parte dei nostri amici e amiche del Borgonuovo, gli azionisti hanno ricevuto la letterina da parte del segretario, bene, adesso è giusto che riceviate anche il punto di vista di Mr.T. Immagine

Da settimane i bambini attendevano la giornata di sabato scorso, noi adulti non da meno, perché andare al Bosio è sempre bello visto il bel legame tra le 2 società, visto che i ragazzi della New Team sono maschi e invece nel Borgonuovo Settimo giocano un sacco di ragazze (la pubertà!) e soprattutto è bello giocare con chi ha tante cose da insegnarci quanto rispetto ci porta: un’infinità!

Arriviamo con solo 3 pulcini, senza il portiere titolare, senza il portiere di riserva..premesse non ottime diciamo.
In accordo con i nostri avversari facciamo giocare 2 esordienti, i nostri avversari sono tosti e forti, ma noi giochiamo abbastanza bene, grinta su ogni pallone, tanta corsa (spesso a casaccio) ma col passare del tempo siamo diventati pure un po’ ordinati. Abbiamo fatto qualche gol, uno dei quali, capolavoro, vi è stato raccontato attraverso un disegno: passaggio al centro nei pressi della metà campo, passaggio filtrante tra i 2 difensori, taglio del nostro attaccante che dall’esterno passa dietro e punta la porta. Capolavoro ( di casualità?)
Ragazzi contenti, panchina in delirio, tifosi commossi. Partita bella, corretta e divertente.
Noi tifiamo per loro!
 
E adesso veniamo agli esordienti.
Manca il portiere titolare e allora i dirigenti discutono democraticamente per decidere chi sostituirà il nostro malaticcio Martin.
Decidiamo di mettere in porta Rupi, uno di quelli che più critica le imprese di Martin: adesso capisce cosa vuol dire!
Il secondo portiere è sempre Aristotel che cresce spaventosamente ma è ancora acerbo sulle regole.
Fatto sta che la squadra gira, gioca, lotta..sullo 0 a 0 regaliamo un rigore alle nostre bravissime avversarie. 1 a 0, in panchina si teme l’ormai solito crollo di morale e invece no. La squadra c’è, si aiuta, lotta, tifa, triangola e qualche volta tira, tirano anche le nostre avversarie, e tirano bene cavolo! Ma Rupi non se la cava male alla prima esperienza tra i pali. La partita è bella, frizzante, forse per la prima volta manteniamo le posizioni con ordine, per la prima volta non litighiamo tra di noi ma anzi, tiriamo fuori uno spirito di squadra incredibile ma non inaspettato.

Giochiamo, prendiamo gol e qualcuno lo facciamo, portiamo ancora troppo la palla e troppo spesso la perdiamo, ma chissenefrega. Prima del triplice fischio c’e il tempo per una bella parata bassa di Aristotel. Un anno intenso e denso, abbiamo imparato tanto, siamo cresciuti, siamo riusciti a ridere dei nostri errori. Bello bello bello. 
L’aeroplanino per salutare i tanti e rumorosi tifosi un po’ commossi dalla prestazione e dal cuore dei nostri bambini.
Essere l’allenatore di questi ragazzi, ve l’ho gia detto, è talmente bello da far schifosamente invidia. 
Ma anch’io sono invidioso. Sono invidioso della bellezza del Borgonuovo Settimo, del clima perfetto che creano, dell’attenzione che hanno per ogni aspetto, si, un po’ sono invidioso anche per i risultati, però se li meritano davvero!
Mr.T
Annunci

Globo Grugliasco New Team: e siamo contenti davvero

La New Team è una cosa strana. Suscita emozioni contrastanti, interessi inaspettati, passione che non sapevamo di avere.
Suscita il sorriso e il tifo da parte di estranei, suscita che alcuni giocatori della squadra avversaria che, loro malgrado, ci son stati prestati per sopperire alla mancanza di un pulcino, si divertissero a giocare con noi e capita che questi ragazzini lottassero per la New Team e insegnassero in una partita,ai loro occasionali compagni di avventura, più cose di quante noi dirigenti siamo riusciti ad insegnar loro in un anno. Capita che si perda pur avendo giocato bene, decisamente bene. Capita che ci si arrabbi per la sconfitta ma che si sorrida per le cose belle fatte in campo. Capita che ieri siamo stati una squadra.
Ma andiamo con ordine, arriviamo a Grugliasco con soli 4 pulcini, dopo un breve dibattito da opportunisti sul perdere la partita 3 a 0 a tavolino, decidiamo di giocare comunque in 4 ma i nostri avversari ce ne prestano un paio per tempo.
I pulcini NT partono lenti e un po’ imbarazzati, sembrano non aver voglia, ma crescono in voglia, attenzione e intensità durante il corso della partita. Perdono ma imparano un’infinita di cose, lottano su ogni pallone e provano anche a far girare la palla. Per la prima volta i pulcini, anche grazie ad un gigantesco aiuto di Giorgio, il giocatore imprestatoci, creano 6 o 7 palle gol. Bambini contenti, una bella festa!
Gli esordienti invece sono presenti in buon numero, il nostro centravanti di sfondamento è acciaccato ma scalpita per giocare, in porta c’è Martin che ha appena disputato la partita dei pulcini, è tornato Sami, il capitano dello scorso anno, poi ci sono gli onnipresenti Alex, Sorin, Piki e Nicu.
Iniziamo col nostro modulo classico 121 con Sami regista basso con l’idea di modificare il modulo in itinere e passare ad un 211 più offensivo. Giochiamo, e giochiamo bene, 1-2 in velocità, circolazione della palla, attenzione difensiva. Mai un pallone non giocato. Giochiamo e pure bene, creiamo una barca di occasioni tutte parate dal loro portiere fenomeno, ci parerà anche un rigore ben calciato. Si infortuna Martin, in porta ci va Nicu, piccolo come un soldo di cacio, che para bene ma, i nostri avversari ci mettono poco a capire che basta tirare alto per segnare.
Fatto sta che la squadra gira, lotta e crea. Un gol lo facciamo, lo segna Sorin, pure un bel gol, va detto! Perdiamo 11 a 1, mai risultato fu tanto bugiardo!
La rabbia e la gioia mischiate insieme nel cuore dei nostri piccoli calciatori durante l’ormai consueto aeroplanino per salutare i tanti tifosi presenti anche ieri emozionano i nostri tifosi, i nostri avversari e pure i loro sostenitori.
E la panchina?
Essere l’allenatore di questi ragazzi è una fortuna talmente grande da far schifosamente invidia
Mr.T

Comunicato ufficiale della Lega e una buona notizia

E’ arrivato il Comunicato ufficiale n.7 UISP in cui trovate come al solito le nostre incredibili statistiche sulla differenza reti ma, soprattutto, è arrivata una bella notizia: abbiamo un campo .-)
Grazie alla Circoscrizione 6, abbiamo ora a disposizione per gli allenamenti il campo Regaldi di via Monteverdi 4  a Torino.
E’ il campo sul quale disputiamo le partite, ora disponibile anche per gli allenamenti del martedì (pulcini) e giovedì (esordienti).

Dai dai dai!

Nessuno Fuorigioco e la New Team compiono un anno

Carissimi, come avete letto sabato compiamo un anno! E per noi, come sapete, intendiamo dire noi bambini, dirigenti, tifosi, soci, amicisufeisbuc. Noi.
Quindi buon primo compleanno a tutti noi!
Ad un anno si è delle creaturine tenere, si sta appena appena dritti sulle gambe, si fanno i primi passettini (certe culate!) e si bofonchiano le prime paroline. Noi siamo sta robina qui, una creaturina tenera e simpatica che non vede l’ora di diventare grande, che non vede l’ora di togliersi il pannolone perché non ha più paura di farsela addosso.
Ad un anno ci si sente il centro del mondo, ad un anno c’è bisogno dell’affetto e delle cure di tanti amici, ed è bello e giusto che sia cosi.
Noi abbiamo bisogno delle coccole ma anche tanto bisogno di crescere, di provare a tradurre in azione tutto quello che pensiamo e sognamo per il nostro futuro.

Mr.T.

Il punto di Mr. T.

Anche questa settimana è conclusa e il mio pensiero va agli amici della New Team, ai tanti tifosi vicini e lontani, che seguono le vicende di queste 2 squadre sgangherate con passione e partecipazione. Siete tanti, lo sapete? Tanti da Torino e cintura, altri da altre parti del Piemonte altri ancora dalla Sardegna e altri da Napoli e ci chiediamo: ma come hanno fatto a sapere quelli di Napoli della nostra esistenza? Mah!
E il mio pensiero, forse un po’ nostalgico stasera, va soprattutto agli azionisti senza i quali la New Team sarebbe probabilmente un po’ più povera ma, cosa ben più grave, non sarebbe la cosa bella che è: un laboratorio di coesione sociale col pallone tra i piedi in cui tutti, grandi e piccoli, giocatori, dirigenti, tifosi, preparatori di te, minuscole figlie di dirigenti, autisti, preparatoridipaninisoloperlatrasfertadiceres, azionisti sono i protagonisti di questa nostra entusiasmante storia
Buonanotte
Dai dai dai
Mr. T