Globo Grugliasco New Team: e siamo contenti davvero

La New Team è una cosa strana. Suscita emozioni contrastanti, interessi inaspettati, passione che non sapevamo di avere.
Suscita il sorriso e il tifo da parte di estranei, suscita che alcuni giocatori della squadra avversaria che, loro malgrado, ci son stati prestati per sopperire alla mancanza di un pulcino, si divertissero a giocare con noi e capita che questi ragazzini lottassero per la New Team e insegnassero in una partita,ai loro occasionali compagni di avventura, più cose di quante noi dirigenti siamo riusciti ad insegnar loro in un anno. Capita che si perda pur avendo giocato bene, decisamente bene. Capita che ci si arrabbi per la sconfitta ma che si sorrida per le cose belle fatte in campo. Capita che ieri siamo stati una squadra.
Ma andiamo con ordine, arriviamo a Grugliasco con soli 4 pulcini, dopo un breve dibattito da opportunisti sul perdere la partita 3 a 0 a tavolino, decidiamo di giocare comunque in 4 ma i nostri avversari ce ne prestano un paio per tempo.
I pulcini NT partono lenti e un po’ imbarazzati, sembrano non aver voglia, ma crescono in voglia, attenzione e intensità durante il corso della partita. Perdono ma imparano un’infinita di cose, lottano su ogni pallone e provano anche a far girare la palla. Per la prima volta i pulcini, anche grazie ad un gigantesco aiuto di Giorgio, il giocatore imprestatoci, creano 6 o 7 palle gol. Bambini contenti, una bella festa!
Gli esordienti invece sono presenti in buon numero, il nostro centravanti di sfondamento è acciaccato ma scalpita per giocare, in porta c’è Martin che ha appena disputato la partita dei pulcini, è tornato Sami, il capitano dello scorso anno, poi ci sono gli onnipresenti Alex, Sorin, Piki e Nicu.
Iniziamo col nostro modulo classico 121 con Sami regista basso con l’idea di modificare il modulo in itinere e passare ad un 211 più offensivo. Giochiamo, e giochiamo bene, 1-2 in velocità, circolazione della palla, attenzione difensiva. Mai un pallone non giocato. Giochiamo e pure bene, creiamo una barca di occasioni tutte parate dal loro portiere fenomeno, ci parerà anche un rigore ben calciato. Si infortuna Martin, in porta ci va Nicu, piccolo come un soldo di cacio, che para bene ma, i nostri avversari ci mettono poco a capire che basta tirare alto per segnare.
Fatto sta che la squadra gira, lotta e crea. Un gol lo facciamo, lo segna Sorin, pure un bel gol, va detto! Perdiamo 11 a 1, mai risultato fu tanto bugiardo!
La rabbia e la gioia mischiate insieme nel cuore dei nostri piccoli calciatori durante l’ormai consueto aeroplanino per salutare i tanti tifosi presenti anche ieri emozionano i nostri tifosi, i nostri avversari e pure i loro sostenitori.
E la panchina?
Essere l’allenatore di questi ragazzi è una fortuna talmente grande da far schifosamente invidia
Mr.T

Annunci

La partita di ieri e Mr.T. ammalato

Eccoci nuovamente a narrarvi le gesta dei nostri giovani atleti. Ieri si è giocato in notturna l’anticipo di campionato esordienti contro la nobil contrada del Real Frassati. In notturna, capito? Come i turni infrasettimanali della serie A.
Ma partiamo dalla fine, Mr. T è malato, il suo corpo non ha retto alla gioia per la bella prestazione dei suoi ragazzi! Che si, hanno perso, una dozzina di gol li abbiamo presi, forse pure qualcuno in più, ma i miglioramenti si vedono, uh se si vedono!
Allora partiamo dalla fine, bambini e dirigenti delle due squadre che si tengono per mano e fanno l’aereoplanino verso quei temerari dei tifosi presenti nonostante il freddo becco!
Poco prima Aurel, subentrato ad un ( a tratti) mastodontico Martin, blocca a terra un tiro insidioso. E prima tra due dei loro bei gol, questa è gente che gioca e che sa tirare!,il gol nostro, di piki, che raccoglie un passaggio di Manuel, accarezza il pallone, lo butta in rete e corre ad abbracciare la panchina.
So soddisfazioni. Va detto!
Beh, in generale si sono viste cose buone, cresciamo in intensità e nell’essere un gruppo, ci mancano la malizia e la pazienza di imparare.
Ma ci hanno fatto i complimenti, complimenti sinceri e non elemosina. E io oggi sto male ma sono davvero contento.
Dai dai dai
Mr. T

Le partite del weekend contro il Massaua

Volete i freddi numeri? E ve li diamo i pulcini ne han presi 21 e gli esordienti pure. Par condicio. Ma i numeri non raccontano la prestazione a tratti ordinata dei pulcini che pagano l’ingenuità e l’enorme divario tecnico. Poi si, ne han presi 21, una punizione troppo pesante alla quale comunque abbiamo risposto con eleganza. Nonostante qualche provocazione.
Gli esordienti crescono, ne han presi 21 pure loro, ma oggi Nicu ha imparato a fare la diagonale. Le partite, a noi, servono da allenamento. Bene così. E vedere alcuni bambini tristi per il risultato ma fieri di ciò che stanno imparando è la gioia di Mr.T e di tutti i tecnici e dei tanti tifosi presenti anche oggi al Regaldi.
Ne abbiam presi tanti, troppi, ma stiamo crescendo. Io lo vedo. Io li vedo cazzo. Riuscissimo a remare tutti dalla stessa parte per una volta..
Mr. T

A Ceres è andata così.

Pulcini: Ceres 25 New Team 0

Municipio di Ceres - Piedmont - Italy

Municipio di Ceres  (Photo credit: Wikipedia)

Esordienti: Ceres 27 New Team 0
Pulcini + esordienti = Ceres 52 New Team 0
Non una grande giornata calcistica, va detto. Ma la trasferta di Ceres coi panini e le bibite, con le curve e le montagne e le soste per vomitare e il calcio balilla è sempre uno spettacolo!
Pulcini con parecchie novità, Mr. T non è in panchina, ci sta il trio Corli Giovannone Tomescu e poi c’è un modulo nuovo, un 2 2 che è in realtà un 211 mascherato. Ne han presi 25 ma i pulcini stanno crescendo, il campo ha dato le risposte che cercavamo, il 25 a 0 non lo cercavamo ma non ce ne importa neppure un po’. Bravi pulcini!
In panchina per gli esordienti c’è il trio Mr. T Corli Tomescu, si parte bene e forte poi 1 a 0 per loro ( che son davvero forti) e partita finita, almeno per noi. Siamo spariti dal campo pensando esclusivamente a fare un gol che non è arrivato mentre loro ce ne facevano una valanga. Abbiamo sbagliato tutto, questa è la verità, nonostante un ottimo Piki (faccio sempre mal volentieri nomi ma lui è stato davvero un eroe nonostante la barca affondasse testa alta cazzo!). se non iniziamo a giocare da squadra, a usare la testa, a voler non perdere, la settimana prossima potrebbe andare pure peggio.
Ma poi, davvero, ci siamo divertiti e questo in fondo è quello che conta!
Bella la trasferta di Ceres. Grazie a tutti quelli che son venuti e a quelli che hanno collaborato alla gita fornendo panini e krumiri!

Mr.T.

Post match contro il Borgonuovo femminile: il punto di Mr. T.

Che dire, non è andata proprio bene ma, sinceramente meglio di quanto ci aspettavamo.
Partiamo come sempre dai risultati: i pulcini perdono 1 a 16 contro le ragazze del borgonuovo. Non è una sorpresa, lo sapevamo gia, quelle ragazzine sono forti, l’anno scorso ci hanno sempre massacrato, sono tatticamente, tecnicamente e fisicamente una corazzata. Hanno qualche elemento di pregio e nel complesso sono un’ottima squadra.
I ragazzi della New Team sono completamente in balia degli eventi, sembra che la prestazione metta loro addosso tanta ansia da dimenticare tutto quanto fatto in allenamento. Gioco confuso, palloni sprecati, errori in fase di impostazione e di difesa. Regaliamo alle avversarie una quantità infinita di palloni e loro non hanno bisogno di regali perché sono brave e i palloni sanno benissimo recuperarli da sole! Poi un paio di lampi e un bel gol nostro dopo tanti belli, meno belli, bellissimi loro. Complimenti. Poco altro da aggiungere.

Poco (album)

Poco (album) (Photo credit: Wikipedia)

In realtà da aggiungere c’è la soddisfazione nel vedere la squadra che lotta nonostante i tanti gol subiti e che festeggia il gol come se fosse quello della vittoria. Complimenti al carattere e all’eleganza della squadra dei pulcini. C’è tanto da lavorare ma, cavolo, con un carattere cosi..

Ah, dimenticavo!

Bell’esordio di Enrico in panchina. Il nuovo dirigente della New Team si fa sentire. Ha carattere e lo trasmette ai ragazzi! Benvenuto tra di noi E grazie!

E adesso veniamo agli esordienti.
Anche per loro una sonora batosta seppur più contenuta nei numeri. 2 a 8. Sempre contro il borgonuovo. 
Partiamo benino, proviamo a far girare la palla, solo che la facciamo girare un po’ troppo davanti alla nostra area e le ragazze del borgonuovo non ci pensano 2 volte a tirare, e come tirano!, dentro la nostra porta. 2 minuti e 1 a 0 per loro. I ragazzi della New Team fanno fatica, perché il gol butta giù il morale e perché le ragazze sono forti in tutto. Piedi, testa, gambe, organizzazione. E turano. Noi fatichiamo a sistematici in campo. Per imparare a difenderci dai loro calci d’angolo ci mettiamo 40 minuti più o meno. E infatti dopo, almeno su calcio d’angolo, non subiamo più.
Comunque: il primo tempo è un disastro. Posizioni sbagliate, marcature perse, confusione e passaggi sbagliati, la maggior parte dei quali davanti alla nostra area. E loro ci puniscono. Nel secondo tempo, dopo le urla della panchina, qualcosa cambia. Non il risultato per carità ma l’atteggiamento, le marcature, la voglia, l’organizzazione cambiano. E infatti riusciamo a fare qualche gol, due bei gol di Rupi ancora capitano e qualche altra occasione. Perdiamo meritatamente contro una grande squadra che tifiamo perché vinca il campionato. Ma margini ce ne sono. Se in allenamento riuscissero ad applicarsi un po’ di più..bravi ragazzi comunque. Il secondo tempo l’avete giocato! E pazienza se subiamo mille contropiedi per ora, pazienza. Il secondo tempo è stato qualcosa che al calcio somiglia. Bravi noi e bravissime loro!
Mr.T

 

Post match contro il Salus: il punto di Mr. T.

English: Caparezza Italiano: CapaRezza

EItaliano: CapaRezza (Photo credit: Wikipedia)

Il risultato di ieri è un risultato bugiardo.
0 a 16. Una differenza numerica spaventosa che non racconta di quanto visto un campo. Non si sta dicendo che meritavamo la vittoria, no, affatto, ma abbiamo pagato l’inesperienza e soprattutto il loro numero 10, ma anche il loro capitano…
Ma andiamo con ordine, l’allenamento di mercoledì è stato orribile, i ragazzi hanno lavorato male, erano distratti e litigiosi. L’equilibrio raggiunto lo scorso anno sembrava sparito.

Siamo quindi arrivati alla partita di ieri, di fatto, senza aver lavorato, senza aver ripassato le regole e senza essere una squadra.
Il viaggio in macchina verso il Regaldi però ci aveva fatto ben sperare, con la nuova colonna sonora della New Team a palla: “Io vengo dalla luna” di Caparezza, una canzone che parla di noi, e che ai bambini piace molto.
Per la prima volta il capitano è Rupi, l’unico che mercoledì ha provato a contenere e i compagni durante l’allenamento, Rupi tiene alla New Team, e si vede!
Dentro il rettangolo di gioco, mentre i portieri si allenavano col nuovo, e benvenuto nuovo dirigente Beppe Venturu, la squadra sembrava bloccata, immobile, timorosa e svogliata.
L’arbitro fischia e loro hanno qualità e fiducia decisamente superiori alle nostre. Il primo tempo finisce 8 a 0 e sembra non esserci gara, eppure pur non giocando prendiamo un palo e viene assegnato un rigore a nostro vantaggio per un fallo di mano che ha parato una palla che sarebbe finito certamente in rete.
Il rigore lo batte Sorin, che si è procurato il rigore e che era al suo esordio con la New Team, un po’ di emozione l’ha tradito… Tiro lento e poco angolato… Facile per il portiere.
In campo, tra di noi, si litiga. La colpa, secondo loro, è dei portieri. Ma finalmente arriva la pausa. I bambini sono stanchi, perché hanno corso tanto e non ci sono cambi.
Ma mentre si riposano abbiamo tempo di motivare la squadra, di far vedere loro le cose belle che stanno facendo.
Poi l’arbitro fischia.
La New Team cambia il portiere, esce Martin ed entra Manuel al suo esordio tra i pali.
Il risultato non cambia, 8 gol nel primo 8 gol nel secondo tempo, ma l’atteggiamento cambia. La squadra gioca, passaggi anche abbastanza ben effettuati, una difesa dura e ripartenze purtroppo sbilenche, loro ci puniscono ogni volta in contropiede (1-2 in velocità, tiri ad effetto…Tanta roba!)
Ma noi cresciamo e creiamo roba anche se un po’ troppo casuale.
Poi c’è pure un gol non gol per noi su cui i bambini recriminano moltissimo, avrebbe cambiato le sorti della partita, dicono!
Boh, che dire, Io sono contento della grinta, ma sono preoccupato per il gruppo che non riesce a lavorare decentemente in settimana e che, di conseguenza, é una squadra ingenua in campo.
La cosa che mi preoccupa di più è la loro rassegnazione alla sconfitta. Non serve a nulla arrabbiarsi con dio o con il portiere, serve fare gruppo, ascoltare le indicazioni della panchina, serve essere organizzati per provare a non perdere sempre.
Speriamo che la (troppo) severa batosta serva a smuovere le cose.
Il viaggio di ritorno fa ben sperare ma, ormai lo sapete, sono un inguaribile ottimista.
Mr.T.